Elenco alfabetico per autore libri letti una volta, ottimo stato, proposti in vendita: lettere Mi - Mz


Stupid white men di Michael Moore

€4,20 Genere: narrativa, discorso satirico
Ed.: Oscar Mondadori, 2004 pagine 311, ISBN: 9788804539070
Condizioni: Brossura, ottimo stato


Recensione()

Già dalle prime righe, Michael Moore mette subito le cose in chiaro: gli stupid white men sono principlamente loro: gli uomini del governo Bush, (ex) Presidente compreso. Ed è infatti a loro che è dedicata gran parte dei primi capitoli.
In particolare Moore si concentra molto su un mistero mai risolto legato alle elezioni presidenziali americane del 2000, che videro protagonisti il candidato repubblicano George W. Bush e quello democratico Al Gore.
stupid white men BushA detta di Michael (e molti altri), infatti, George Bush avrebbe “rubato” le elezioni e vinto soltanto grazie ad una serie di aiuti, compreso quello del fratello Jeb Bush, allora governatore della Florida, che avrebbe fatto sì che venisse manomesso il sistema elettorale attraverso piccoli stratagemmi, come negare il diritto voto a moltissimi cittadini neri della Florida.
Moore ci fa capire, però, che gli stupid white men non sono tutti repubblicani. L’autore infatti non risparmia critiche feroci anche nei confronti della classe politica opposta: i democratici, in particolare la figura di Bill Clinton.
stupid white men ClintonClinton viene tirato in ballo da Moore per la questione delle innumerevoli direttive incentrate sulla salvaguardia della salute e dell’ambiente che “il Presidente degli anni ’90” emanò a conclusione dei suoi 8 anni di presidenza. Si tratta di direttive che non entrarono mai in vigore e che, a detta di Moore, vennero sfruttate da Clinton unicamente per lasciare un buon ricordo di sé.
Restando in tema “sinistra”, Moore nel capitolo “Democratici difettosi in partenza” difende la figura di Ralph Nader (attivista ed esponente della sinistra radicale, supportato da Moore nella campagna elettorale del 2000) e si scaglia contro tutti quei politici “liberal” che in realtà, proprio come Bush, finiscono per stringere patti con le grandi aziende che inquinano l’ambiente.
Accusano Nader di averci dato Bush? Io accuso loro di essere Bush!
Ma il concetto di “stupid white men” non viene trattato soltanto in ambito politico, e di fatto il libro, dopo i primi capitoli, comincia a rivelare anche un certo interessamento nei confronti della società americana in generale. Ho trovato molto interessante, infatti, come Moore abbia “smantellato” il titolo del suo libro ed abbia analizzato e criticato singolarmente le tre parole che lo compongono:
Stupid white men coverStupid: Moore tratta infatti anche la questione dell’analfabetismo funzionale comune a moltissimi americani, in una nazione dove i media instupidiscono sempre di più il proprio pubblico (capitolo 5: “Idiot nation”).
White: viene trattata la questione della discriminazione razziale in America, specialmente in ambito lavorativo (capitolo 4: “Ammazza il viso pallido”).
Men: Moore parla anche della figura del maschio, in particolare della sua onnipresenza nei ruoli di spicco della società americana, a discapito delle donne (capitolo 7: “La fine del maschio”).
Tra i tanti ragionamenti seri e condivisibili, in Stupid White Men sono presenti anche alcune parti più ironiche, di queste la più divertente del libro, a mio parere, rimane quella in cui Michael descrive per filo e per segno i suoi incontri-scontri faccia a faccia con i vari membri della famiglia Bush: da George W. che lo intimò di “cercarsi un lavoro vero”, fino al dialogo con sua sorella Dorothy Bush. Quest’ultima, a suo dire, fu l’unica Bush dalla quale uscì vittorioso dallo scontro verbale, in quel caso incentrato sulle condanne a morte inflitte sotto i governi dei suoi fratelli.
Stupid White Men è quindi un’interessante altalena che oscilla tra lo stile “polemico” da film documentario che ha caratterizzato la carriera da regista di Michael Moore, e la satira politica pungente di stampo americano (ho trovato stupende certe battute sul network FOX News), il tutto mescolato bene con aneddoti personali dell’autore e dati reali sulla società e la politica americana.
Nonostante l’argomento possa sembrare datato, devo dire che ho apprezzato davvero molto Stupid White Men. E’ stato interessante scoprire certi retroscena degli anni della presidenza Bush e certe caratteristiche dello stile di vita degli americani.



Per informazioni preliminari sui libri e sulle loro condizioni chiedete un contatto qui


Mimmo Gambino Maria: Il paradiso della terra, Palermo fuori le mura,€16,80

Recensione

Minkowski Eugene:Il tempo vissuto

€12,60

Recensione

1 libro in omaggio

Minois Georges: Storia Della Vecchiaia

€16,80


Recensione

Mitchell Juliet: Psicoanalisi e femminismo

€8,40


Recensione

Mitford Nancy: Inseguendo l'amore

€4,20


Recensione

Alexander Mitscherlich: Verso una societĂ  senza padre

€10,50


Recensione

Molière: Don Giovanni

€6,30


Recensione

Mollica Vincenzo: Totò parole e musica

€12,60

Recensione

1 libro in omaggio

Monteilhet Hubert: Neropolis

€5,25


Recensione

Stupid white men di Michael Moore

€4,20

Recensione

Dude, Where's My Country? di Michael Moore

€4,20

Recensione

Morante Elsa: La Storia

€5,25


Recensione

Moravia Alberto: Storie della preistoria

€5,25


Recensione

Mosca Paolo: Vivi tu per me

€8,40


Recensione

Jojo Moyes: Sono sempre io

€9,45


Recensione

Moyes Jojo: La ragazza che hai lasciato

€8,40


Recensione

Storia della psicologia di Fernand-Lucien Mueller

€8,40

Recensione

Mukarovsky:La funzione, la norma e il valore estetico come fatti sociali; €9,45

Recensione

Lodovico A. Muratori: Annali d'Italia 2 voll. €12,60

Recensione

Musil Robert: Il giovane Törless

€4,20


Recensione

Myrdal e Kessle:Un villaggio cinese nella rivoluzione; €6,30


Recensione

Myrdal Gunnar: L'obbietivitĂ  delle scienze sociali;€8,40

Recensione


TAG : Vendita libri letti una volta, vendita libri come nuovi, vendita libri in ottimo stato, libri recensiti, Mimmo Gambino Maria: Il paradiso della terra Palermo fuori le mura, Minkowski Eugene:Il tempo vissuto, Minois Georges: Storia Della Vecchiaia, Mitchell Juliet: Psicoanalisi e femminismo, Mitford Nancy: Inseguendo l'amore, Alexander Mitscherlich: Verso una società senza padre, Molière: Don Giovanni, Mollica Vincenzo: Totò parole e musica, Monteilhet Hubert: Neropolis, Michael Moore:Dude, Where's My Country? e Stupid white men, Morante Elsa: La Storia, Moravia Alberto: Storie della preistoria, Mosca Paolo: Vivi tu per me, Moyes Jojo: La ragazza che hai lasciato, Jojo Moyes: Sono sempre io, Fernand-Lucien Mueller: Storia della psicologia, Mukarovsky:La funzione, la norma e il valore estetico come fatti sociali, Lodovico A. Muratori: Annali d'Italia, Musil Robert: Il giovane Törless, Myrdal e Kessle:Un villaggio cinese nella rivoluzione culturale, Myrdal Gunnar: L'obbietività delle scienze sociali

Lettera A Lettera B-Be Lettera Bi-Bz Lettera C1 Lettera C2 A.Camilleri Casati Modignani Lettera D-E Lettera F Lettera G-Gi Lettera Gl-Gz Lettera H-I-J Lettera K-Le Lettera Lf-LZ Lettera M-Me LetteraMi-Mz Lettere N-O Lettera P Lettera Q-R Lettera S-Sl LetteraSm-Sz Lettera T Lettera U-V Lett.da W a Z AA.VV. Dizionari Guide Lista libri